Gialli d'Oriente

Gialli d'Oriente

sottotitolo
Racconti polizieschi dal medioevo arabo
copertina
anno
2012
Collana
Categoria
pagine
252
isbn
978-88-6266-451-6
Titolo
Gialli d'Oriente
Prezzo
17,00 €
ISBN
978-88-6266-451-6
nota
A cura di Katia Zakharia
Traduzione italiana di Arianna Tondi
Introduzione di Samuela Pagani

Il libro raccoglie ventotto novelle poliziesche di autori dell’epoca abbasside (750-1258), ed è anche, insieme, un corso di arabo e un corso di islamistica che ci offre uno spaccato di vita quotidiana nella Baghdad medievale.

L’apparato di sorveglianza e punizione messo in piedi dalle autorità politiche – emiri o califfi, prefetti o governatori che indagano e scovano ladri e assassini – rivela una teoria del potere molto lontana dagli stereotipi di un Islam improntato all’applicazione pedissequa della sharia: principi e funzionari infliggono pene secondo una giustizia secolare che con le sue pratiche, dal metodo indiziario alla tortura ai supplizi esemplari, si pone spesso in diretto contrasto con le regole “garantiste” della norma religiosa.
Emerge l’affresco di una società vivace e variopinta, in cui trame oscure e loschi piani vengono smascherati dagli strumenti della volontà divina, siano questi una pulce o la perspicacia degli uomini, e in cui la fede si alimenta attraverso l’intelligenza e il ragionamento.
 
I racconti sono disposti in ordine crescente di difficoltà, testo in arabo con vocalizzazione e traduzione italiana, note grammaticali, lessicali e culturali. A fine volume, un apparato didattico e un vocabolario riepilogativo italiano-arabo e arabo-italiano.