Argomento “Left”

Mempo Giardinelli, Gente strana

02/07/2010
Oralità e magia. Il realismo di Mempo Giardinelli offre un nuovo modo di leggere la letteratura latinoamericana, di Filippo La Porta
 
Prendete questa similitudine: «L’affanno gli seccava la bocca, le gambe erano come cenere di sigaro che il vento avrebbe spezzato via…». Mi sembra il miglior punto di partenza per parlare dello scrittore argentino Mempo Giardinelli e dei suoi racconti Gente strana.

Giovanni De Rose, Negli occhi di chi guarda

20/06/2008

Un baule pieno di storie, di Filippo La Porta

Cosimo Argentina, Maschio adulto solitario

05/09/2008
Il punto G del romanzo, di Filippo la Porta
 
Prendete il Céline dei primi romanzi, quella autobiografia tutta gridata, picaresca, piena di odio, e poi mescolatelo con un gergo da noir autarchico dentro un paesaggio tipicamente saraceno. Avrete un’immagine abbastanza verosimile di Maschio adulto solitario di Cosimo Argentina.

Alida Airaghi, Frontiere del tempo

09/03/2007

Versi ai confini della realtà, di Filippo La Porta

Condividi contenuti

Cerca libro