Argomento “Letture”

Antonio Debenedetti, Un piccolo grande Novecento

01/03/2006

Il fattore umano dei nostri letterati, di Antonio Spadaro


Sui grandi autori del Novecento non si finirà mai di scrivere. Ed è bene che sia così. Ma i grandi autori non sono icone immobili o scatti fotografici.

Guido Cavalli, Piccolo canzoniere selvatico

01/04/2006

La natura così com'è, "proma" dell'uomo, di Antonio Spadaro


Guido Cavalli con Piccolo canzoniere selvatico è all’esordio poetico dopo aver pubblicato (con lo pseudonimo di Errico Malò) due romanzi e vari racconti. L’opera è un lungo monologo in quattro quadri, centrato sul sentimento della natura selvatica, lontana dall’uomo, dalla sua cura e dalla sua dimora, reso da echi classici, figure mitiche e da un metro curato. L’ispirazione è ruvida, preferisce le «spine dei ricci, i colori spenti, la pioggia che bagna la faccia del bosco».

Aldo Maria Valli, Nudi e crudi

01/05/2005

Vera vita, non reality, di Antonio Spadaro


Aldo Maria Valli, autore di Nudi e crudi. Corso di sopravvivenza per famiglie nell’era del consumismo (Manni 2004), ha 46 anni e lavora alla redazione esteri del Tg3, dove si occupa, in particolare, di informazione religiosa. Autore di vari volumi legati alla sua professione, egli ci offre adesso una sorta di reportage della vita quotidiana, che è innanzitutto una vita vissuta all’interno di quello spazio fisico, psicologico e spirituale che è la sua numerosa famiglia.

Raffaele Crovi, Dirio del Sud

01/06/2005

Mezzogiorno e meridionalismo, di Claudio Toscani


Note, appunti e interviste; itinerari, ritratti e presentazioni, convergono in Diario del Sud, ultimo lavoro di Raffaele Crovi. E vi si compongono, in invidiabile mosaico espressivo, test di costume e modelli antropologici, scorci di geografie naturali e umane, recensioni, immagini e personaggi, tradizioni e saperi del nostro Meridione: con il corredo etico e genetico, storico ed evolutivo di cui Crovi è invulnerabilmente capace.

Mattia Cavadini, L'ultimo giorno

01/10/2005

Le tentazioni della perfezione, di Paolo Pegoraro


«Puri come angeli, superbi come demoni» ammonisce un vecchio adagio. È la tentazione che porterà Leonardo, irretito dalle seduzioni eremitiche di Gibran, a fuggire da moglie e figlia verso la contemplazione. Equivocando, naturalmente, la sana mistica con un misticismo solipsista, elitario e dualistico. Eppure L’ultimo giorno di Mattia Cavadini (Manni, 2005, pagg. 130, euro 14,00) non è un libro umile. Elucubrazione lirica e periodi affilati da eccessiva levigatura si cristallizzano in pagine aguzze e inagibili.

Francesco Petrarca, Bucolicum carmen

01/10/2005

Un Petrarca bucolico fra erudizione e selve, di Daniele Piccini


Il Petrarca, come si sa, si riprometteva fama e considerazione dalle opere latine e non tanto da quel Canzoniere che, non senza sprezzatura, intitolò Rerum vulgarium fragmenta.

Tra i ruderi di Groznyj

01/11/2005

Spunta un'antologia tra i detriti ceceni, di Curzia Ferrari


Fatica non da poco, questa di Paolo Galvagni, che ha tradotto e raccolto in un’antologia molti testi poetici sul conflitto ceceno, certamente marginali rispetto alle comuni tematiche appartenenti alla grande, ma già ben sondata, galassia della slavistica. Gli autori sono oltre quaranta, e presentano dunque culture, inclinazioni ideologiche e cifre linguistiche diverse.

Enrico Emanuelli, Memolo

01/04/2005

Vita di un uomo tragicamente normale


Nella collana dedicata alla narrativa breve, Manni riscopre Memolo, racconto del 1928 di quell'Enrico Emanuelli sodale di Mario Soldati, poi traduttore di francesi eccellenti (Stendhal, Voltaire, Gide), poi giornalista e inviato di "La Stampa" e "Corriere della Sera". L'incapacità di agire e di volere che contraddistingue il protagonista si avvia a diventare la condizione dell'esistenza normale, tipico habitus dei personaggi di quello stesso Svevo che Emanuelli è tra i primi a riconoscere e positivamente valutare.

Autobiografie non vissute

28/04/2004

Maria Gabriella Canfarelli, n. 33

Condividi contenuti

Cerca libro