Metro C

€12,00
Articolo: 978-88-6266-494-3
Alessandro De Santis
Metro C


Alessandro scatta e strappa; strappa affinché la poesia cali
l’asso quando il sipario è giù.
(Aurelio Picca)

 

Metro C è una discesa nel ventre molle della città, è un viaggio in cui, ad ogni fermata, come scattando rapide istantanee, si incontrano fantasmi di ogni tempo, celebrità e personaggi anonimi, non ancora morti e non del tutto vivi.
De Santis parte dalla periferia, dalle frange remote dell’esistenza, e tappa per tappa, fotogramma per fotogramma, si approssima a un centro. Senza alcuna aspirazione a raggiungerlo: ci si deve accontentare di sfiorarlo, fino a ritrovarsi da un’altra parte, in un’altra periferia, magari meno dimenticata, che sia comunque un nuovo inizio.

info-copertina
Metro C
Metro C
Libro novità
anno: 
2013
pagine: 
72
isbn: 
978-88-6266-494-3
Con una nota di Aurelio Picca

Guarda qui il booktrailer

 

Una lettura di Alida Airaghi

Alessandro De Santis (Roma 1976) racconta una sua personale, visionaria e orrifica discesa agli inferi urbani in queste venticinque poesie scandite dal nome delle fermate della metropolitana romana, ripercorsa da una periferia all'altra della capitale, da un suburbio a un mercato a un parcheggio, da una desolazione a una disperazione: lambendo, e non penetrando, la città eterna dei Fori Imperiali, di Piazza Venezia e San Giovanni. La Roma ufficiale, quindi, del potere e dei turismo, estranea allo sciame umano che qui il poeta rappresenta con tragica lucidità di memoria pasoliniana. Entrano ed escono dalle porte di questa Metro C, risucchiati dal niente che li aveva prodotti, fantasmi di uomini e donne, spesso chiamati per nome: Claudio, Rachid, Ida, Maria, Elio...africani o neri, dai “pensieri cariati”, dalle “spalle ossute”, portando in giro come un fagotto il loro “corpo cavernoso”, la loro “bruttezza però che/ non si lascia compatire”, oppure “una bava luminosa”, “la polo macchiata di sudore”, “le mani unte, impiastricciate... lo zaino in spalla stracolmo”. Un campionario quasi animalesco fatto di zombie, invalidi, matrone equivoche, pazzi stralunati, che De Santis osserva senza esibire particolari emozioni, mescolando Youtube e Ramadan, cercando di misurare “l'esatto diametro del cuore umano” che si nasconde dietro le facce di questi “uomini tristi come/ le loro scarpe piene di acqua”. Una poesia denotativa, che non gioca con sperimentalismi e azzardi linguistici, limitandosi a prosastiche prese d'atto descrittive, al massimo concedendosi metafore appese a incubi e a spaventosi squallori quotidiani: “Scuote le sue ore cattive, Fausto/ come cuocesse un uovo al tegamino”, “ i denti lucidi si fanno avanti come pistoni”.
Nella sua viscerale prefazione, Aurelio Picca scrive: “La mole di fango umano, urbano; lo schiattamento delle culture; le scorregge dei nuovi dannati... sono ritratti con la calma di un poeta che conta i secondi che ci separano dal nulla”.
 
 

Alessandro De Santis, Metro C

09/07/2013

Quattro poesie scelte da Davide Orecchio

 

Alessandro De Santis, Metro C

03/09/2013

La poesia di chi come noi scrive dentro la balena, di Mario De Santis

 

Alessandro De Santis, Metro C

16/09/2013

Vite impossibili da ricucire, di Matteo Fantuzzi

Alessandro De Santis, Metro C

01/10/2013

Quel che la metropoli ha inghiottito, di Gian Paolo Grattarola

Alessandro De Santis, Metro C

11/11/2013

Dal sottosuolo, di Luca Alvino

Alessandro De Santis, Metro C

22/11/2013

Grandi opere, il carotaggio è multiplo, di Lorenzo Mari

Alessandro De Santis, Metro C

23/01/2014

Librazioni, di Diego Bertelli

Alessandro De Santis, Metro C

19/05/2014

La fauna umana e la sua lotta quotidiana, di Nicola Bultrini

Alessandro De Santis, Metro C

07/07/2014
 Partendo da Virgilio, di Luigi Carotenuto
 
Flectere si nequeo superos, Acheronta movebo (Eneide). “Se non potrò muovere le potenze del cielo, solleverò quelle degli inferi”. Ci sembra, questo verso virgiliano, un buon punto di partenza per riflettere intorno alla raccolta poetica di Alessandro De Santis, Metro C (manni). A conforto di ciò, v’è pure l’empatica nota introduttiva di Aurelio Picca, da uno scrittore e poeta, a un poeta e scrittore.

Alessandro De Santis, Metro C

25/10/2014

Una grottesca commedia umana, di Chiara De Luca 

Alessandro De Santis, Metro C

04/11/2014

I “segni” invisibili dell’Uomo, di Marco Onofrio

Alessandro De Santis, Metro C

07/11/2014

Un corpo a corpo con Roma, di Francesco Filia

Alessandro De Santis, Metro C

01/12/2014

Con un fondo teologico, di Diego Bertelli

Cerca libro

News